Prestiti Inps per lavoratori privati

I prestiti per i lavoratori che vengono erogati dall’istituto Inps vengono elargiti a diverse categorie, dai dipendenti di vario genere, ai lavoratori privati e ai soggetti pensionati. Si tratta di finanziamenti che vengono erogati con delle condizioni molto vantaggiose e spesso migliori di quelle che vengono applicate dai normali istituti bancari, inoltre questi prestiti devono essere rimborsati dal beneficiario direttamente all’Inps stesso.

Come funzionano i prestiti dell’Inps in generale

I prestiti che vengono erogati dall’Inps vengono spesso e volentieri ceduti con dei tassi estremamente agevolati e si dividono principalmente in due categorie ovvero nella categoria dei piccoli prestiti o in quella dei prestiti pluriennali. Vediamo in cosa si differenziano queste due categorie di finanziamento. Parliamo prima del piccolo prestito ceduto dall’Inps che permette ai richiedenti di poter ottenere un prestito di una somma che successivamente deve essere rimborsata all’ente in un arco di tempo abbastanza breve, ovvero dagli uno agli otto mesi, mentre per quanto riguarda i prestiti pluriennali diretti la somma complessiva del finanziamento che sicuramente sarà più alta varia in base al reddito che il richiedente percepisce mensilmente e la durata del rimborso sarà sicuramente più lunga. I prestiti pluriennali possono difatti avare una durata costante che può essere di cinque o di dieci anni e le rate mensili da rimborsare, come nella cessione del quinto, non devono andare oltre ad un quinto dello stipendio al netto che viene ricevuto da chi richiede il prestito o dal suo estratto conto. Si può fare richiesta di un prestito pluriennale soltanto se si è nella lista dei casi accettati dall’Inps. Si tratta dunque di prestiti dedicati ai soggetti pensionati, a dipendenti pubblici, dipendenti statali ma anche a lavoratori privati. In questo articolo ci concentreremo dunque su come funzionano i finanziamenti Inps dedicati esclusivamente a quest’ultima categoria, ovvero i lavoratori privati, vedremo le condizioni ad essi applicate, come fare richiesta, la modalità di erogazione e di rimborso.

Prestito Inps dedicato ai lavoratori privati: le caratteristiche principali

Vediamo dunque cosa fare per richiedere ed ottenere questo tipo di prestito per i lavoratori privati. Innanzitutto partiamo con la premessa che tutti i lavoratori privati hanno la possibilità di fare richiesta di questo prestito e che non sono necessari troppi documenti per richiederlo, infatti è necessario soltanto un documento di identità in corso di validità come la carta d’identità, la patente o il passaporto ed una copia dell’ultima busta paga ricevuto o dell’ultimo CUD annuale. D’altro canto invece, tutti i cittadini che definiti non comunitari ma che intendono fare richiesta di questo finanziamenti dovranno portare presso l’ufficio Inps inoltre la documentazione necessaria per quanto riguarda il possesso di un regolare permesso di soggiorno oltre alla documentazione classica richiesta per tutti. Per quanto riguarda i prestiti concessi dall’Inps ai dipendenti privati, il rimborso della somma complessiva che avviene anche in tempi abbastanza lunghi, è previsto tramite l’utilizzo della classica cessione del quinto della busta paga, ovvero attraverso delle semplici trattenute che vengono effettuate mensilmente e che non superano il 20% dello stipendio totale netto di chi lo richiede. I prestiti Inps per i lavoratori privati hanno preso piede appena nell’anno 2005, e fanno in modo di poter concludere l’ammortamento in modo semplice e diretto proprio grazie alle trattenute mensili. Inoltre sul sito ufficiale dell’Inps c’è la possibilità di fare accesso ad un’area creata appositamente per calcolare un eventuale importo delle rate in base alla somma richiesta, una sorta di preventivo. Una delle caratteristiche principali e che rendono questo prestito Inps per i lavoratori privati molto popolare è sicuramente il fatto che si tratta di prestiti non finalizzati, ovvero non bisogna fornire all’istituto nessuna motivazione per la quale si sta richiedendo il prestito.

 

Puoi leggere anche:

Pubblicato in Inps