Prestiti d’onore per studiare all’estero in Erasmus

Con i tempi che corrono, andare a studiare all’estero durante il proprio corso di studi è sicuramente una delle scelte migliori che uno studente universitario possa fare: nuove esperienze dal punto di vista didattico e professionale infatti possono giovare parecchio alle giovani menti che si devono formare in vista di un futuro che esige un tipo di preparazione sempre più vasta ed eclettica.
Tra i vari progetti messi a disposizione dalle università vi è il progetto Erasmus, tuttavia non tutti gli studenti sono capaci di finanziare tramite i propri risparmi i costi relativi allo studio all’estero in Erasmus.

Proprio a questo proposito è possibile richiedere dei prestiti d’onore finalizzati a questo scopo, che permettono di far fronte alle spese necessarie per poter usufruire delle incredibili opportunità che l’esperienza in territorio straniero può offrire. Ovviamente questo tipo di finanziamento è regolamentato in modo particolare, e pertanto lo studente che intende sfruttarlo per studiare all’estero in Erasmus deve possedere alcuni requisiti fondamentali (tra cui quelli di merito) e impegnarsi a restituire il capitale utilizzato nel tempo prestabilito.

Nei paragrafi che seguono andremo ad evidenziare quelle che sono le caratteristiche del prestito d’onore per studiare all’estero con il progetto Erasmus e segnaleremo i requisiti principali per l’ottenimento del suddetto finanziamento.

Come funziona il prestito d’onore per l’Erasmus all’estero?

Il prestito d’onore per studenti (come visto nell’articolo sui finanziamenti per i master) è una tipologia di finanziamento che consente di sostenere i costi del materiale universitario e delle attività scolastiche con caratteristiche agevolate e senza dover fornire troppe garanzie. Questo tipo di prestito infatti consente a chi lo richiede di avere la liquidità necessaria con la possibilità di restituirla in un lasso di tempo che può arrivare fino a due anni dal termine del finanziamento (i cosiddetti due anni di grazia).
I prestiti vengono erogati dagli istituti convenzionati con le università: Unicredit ad esempio è uno degli enti bancari più noti per quanto concerne la collaborazione con alcune delle più celebri università italiane.

Per quanto riguarda il prestito d’onore elargito agli studenti che intendono andare all’estero con il progetto Erasmus durante il proprio corso di studi, esiste una regolamentazione ben precisa. In primo luogo non si possono richiedere somme superiori ai 5-6 mila euro annui e l’età del richiedente dev’essere necessariamente compresa tra i 18 e i 35 anni.
Per ottenere il prestito d’onore inoltre non serve né la busta paga né la firma di un garante, ma solo i requisiti di merito (come per esempio il diploma di maturità con voti alti) e quelli che attestano la mancanza di mezzi economici.

Nuovi tipi di prestito d’onore per chi vuole andare in Erasmus

Già da diversi anni è entrato in vigore un nuovo programma europeo chiamato Erasmus+ atto al supporto dell‘istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. Grazie a questa iniziativa, è possibile, per gli studenti universitari e non, usufruire di un gran numero di interessanti agevolazioni che consentono di facilitare e agevolare il percorso di studi che si sta seguendo.
In virtù di questo nuovo progetto saranno stanziati nel corso di questi anni ben 14 miliardi di euro, di cui il 3.5% sarà utilizzato come fondo per il Guarantee Faciliy, un prestito d’onore per laureati in mobilità. Grazie a questo prestito d’onore gli studenti universitari potranno sentirsi supportati al 100% nel nuovo percorso all’estero.

Com’è semplice notare in seguito alla lettura di queste righe, andare in Erasmus pur non avendo disponibilità economiche adatte non è un’impresa così difficile, tuttavia è necessario dimostrare la propria affidabilità promettendo di rimborsare con i propri sforzi i soldi in prestito e presentando votazioni che diano voce alla propria volontà di studiare in modo serio e brillante.

Puoi leggere anche: