Preventivo piccoli prestiti

Richiedere un preventivo per piccoli prestiti al giorno d’oggi è diventata un’operazione semplice e alla portata di tutti: sia che si tratti di utilizzare i siti internet o che si tratti di recarsi presso un ufficio pubblico, ormai quasi tutte le finanziarie concedono la possibilità di richiedere preventivi di finanziamenti relativi a somme non eccessive senza  dover star dietro a troppe pratiche burocratiche.

Capita sempre più spesso infatti che le persone abbiano la necessità di avere a disposizione una piccola cifra immediata (dall’organizzazione di una festa all’acquisto di un elettrodomestico), ragion per cui le società finanziarie più all’avanguardia si sono adattate mettendo a disposizione dei loro clienti dei prodotti commerciali pensati appositamente.

Andiamo dunque a vedere, nei paragrafi che seguono, com’è possibile richiedere un preventivo per piccoli prestiti, quali sono gli istituti creditizi che consentono di portare a termine questa operazione e infine forniremo qualche esempio pratico relativo a questa tipologia di finanziamento.

Piccoli prestiti: quali i requisiti per richiedere un preventivo?

Come per tutte le operazioni legate al settore finanziario, chiunque abbia intenzione di richiedere un preventivo per un prestito deve necessariamente possedere alcuni requisiti che possono variare in minima parte a seconda dell’istituto creditizio ma in linea di massima rimangono sempre gli stessi. Anche per i piccoli prestiti funziona in questa maniera.

In primo luogo, per richiedere il preventivo di un piccolo prestito bisogna aver compiuto 18 anni e non avere un’età superiore ai 75-80 anni (a seconda della banca o istituto finanziario a cui ci si rivolge), così come è necessaria la cittadinanza e la residenza in territorio italiano.
Altri requisiti a cui la banca si rifà per decidere se concedere o meno un prestito sono la tipologia d’impiego e l’affidabilità creditizia.

Per quanto riguarda il primo caso, il richiedente deve dimostrare di percepire un reddito stabile e accertabile con facilità, ed è inoltre richiesta una determinata documentazione a seconda del tipo di impiego. I lavoratori dipendenti ad esempio devono fornire la busta paga o il certificato di stipendio, i liberi professionisti o gli artigiani hanno l’obbligo di presentare un certificato di iscrizione all’albo liberi professionisti mentre i pensionati devono occuparsi di presentare il cedolino pensionistico.

In ultimo la banca o l’istituto creditizio a cui ci si rivolge per richiedere il preventivo di un piccolo prestito farà attenzione all’affidabilità creditizia del cliente: in questa fase vengono raccolte tutte le informazioni finanziarie del richiedente e viene stipulato un “credit score”, ovvero un punteggio di affidabilità in base al quale si potrà procedere o meno all’acquisizione del finanziamento.

Oltre a questi requisiti principali, ve ne sono poi altri, come per esempio la presenza di un garante, che variano a seconda dell’ente a cui ci si rivolge. In ogni caso, com’è possibile notare leggendo questo paragrafo, le caratteristiche da possedere al fine di richiedere il preventivo per un piccolo prestito sono davvero poche e semplici.

Richiedere piccoli prestiti online: ecco come sfruttare le piattaforme virtuali per ottenere i preventivi

Per richiedere prestiti di piccola entità uno dei modi migliori di ottenere i migliori preventivi in tempi ridotti e con ottimi risultati consiste sicuramente nell‘utilizzo delle piattaforme online atte a confrontare i vari prestiti presenti sul web e a farti capire a colpo d’occhio qual è la soluzione più adatta.

A questo proposito, esistono diverse valide alternative che il mondo di internet ha da offrirci: siti web come www.prestiti.segugio.it o www.prestiti.supermoney.eu sono solo alcune delle piattaforme più accreditate per quanto riguarda il confronto dei vari preventivi relativi ai piccoli prestiti.
Per utilizzare questi siti al massimo del loro potenziale sarà sufficiente in primo luogo avere le idee chiare sulla tipologia di finanziamento che si intende richiedere: l’utilizzo che si intende fare dei soldi desiderati, la tipologia di tasso verso la quale si è orientati (fisso, variabile o misto), il piano di ammortamento e infine la cifra del prestito.

Saranno anche richiesti dati come per esempio il tipo di assicurazione attuale e l‘impiego del cliente, tutti requisiti necessari per completare il quadro personale che permetterà poi al sito prescelto di setacciare il web alla ricerca del finanziamento perfetto per le esigenze del richiedente.
Le informazioni sopra citate, insieme ai dati anagrafici e lavorativi del soggetto richiedente, dovranno essere inseriti all’interno di un modulo presente presso le pagine dedicate delle piattaforme web atte al confronto dei finanziamenti, e una volta ultimate sarà questione di pochi secondi per scoprire qual è il miglior preventivo per piccoli prestiti che internet ha da offrirti!

Piccolo prestito, grande scelta: ecco quali sono i migliori istituti per richiedere preventivi

Dopo aver parlato di quelli che sono i requisiti necessari per ottenere i prestiti online e quali sono le piattaforme web più affidabili per trovare il finanziamento più adatto alle proprie esigenze, andiamo adesso a vedere qualche esempio pratico di istituti creditizi che concedono modiche cifre di denaro in modo semplice e immediato: non tutti infatti offrono la possibilità di avere accesso a piccole somme con facilità e convenienza sul prodotto finale.

La finanziaria Cofidis ad esempio offre ai propri clienti la possibilità di effettuare preventivi per prestiti che arrivano fino a un massimo di 5.000 euro e propone piani di rimborso personalizzabili capaci di rispondere in maniera ottimale alle esigenze di tutti.
Anche Unicredit, ente bancario particolarmente amato dagli italiani consente di richiedere finanziamenti relativi a piccole somme di denaro: grazie a questa finanziaria infatti è possibile ottenere prestiti fino a 3.000 euro rimborsabili in un massimo di 36 mensilità.

Proseguiamo con un altro ente finanziario in ascesa: Agos Ducato, il quale consente di effettuare preventivi legati a piccoli prestiti con la possibilità di personalizzare completamente le caratteristiche del finanziamento: dalla durata del piano di rimborso al tipo di tasso, il tutto ovviamente con spese aggiuntive e costi di commissione ridotti al minimo.

L’ultima società di cui vogliamo parlare per quanto riguarda i preventivi riguardanti i piccoli prestiti è Poste Italiane, che tramite il suo circuito PostePay consente di ottenere somme fino a 1.500 euro con tassi di interesse abbastanza elevati ma in maniera ultra rapida (i soldi vengono accreditati direttamente sulla propria postpay) e con pochissime garanzie richieste.

Preventivi piccoli prestiti INPDAP per dipendenti e pensionati pubblici

Un altro esempio di cui vale la pena parlare in termini di preventivi riguardanti piccoli prestiti riguarda il finanziamento messo a disposizione da enti previdenziali come per esempio l’INPDAP. In questo caso ovviamente è possibile godere di particolari agevolazioni riservate agli iscritti all’ente, fatto che rende questa tipologia di prestito ancora diversa rispetto a quelle proposte dalle comuni finanziarie.

Benché l’INPDAP proponga ogni anno regolamenti che differiscono per qualche particolare, in linea di massima le modalità di richiesta ed erogazione sono sempre le medesime.
I piccoli prestiti INPDAP vengono concessi a dipendenti e pensionati del settore pubblico regolarmente iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (il cosiddetto “Fondo Credito”) e il piano di ammortamento può essere composto da un lasso di tempo che può variare tra le 12, 24, 36 o 48 mensilità.

Per quanto riguarda il calcolo della rata e il tasso d’interesse relativi al finanziamento, è possibile simulare un preventivo presso il sito dell’ente di previdenza sociale in questione, in cui è anche presente una sezione dedicata alla domanda di richiesta prestito in cui sono specificate tutte le agevolazioni concesse dall’INPDAP e i tempi di erogazione (che solitamente, trattandosi di piccoli prestiti si aggirano intorno ai 60 giorni).

A questo punto c’è solo l’imbarazzo della scelta: richiedere preventivi per piccoli prestiti è un’operazione veramente semplice, fattibile in poche e semplici mosse anche direttamente da casa grazie alle società creditizie e ai vari enti bancari e non che mettono a disposizione siti web all’avanguardia. Inoltre non sarà necessario nemmeno essere troppo esperti del settore, visto e considerato che, com’è stato evidenziato nelle righe precedenti, sono presenti piattaforme web specializzate che si occupano direttamente di rivestire in tutto e per tutto il ruolo di “consulente finanziario” a titolo totalmente gratuito!

Puoi leggere anche: