Piccoli prestiti per dipendenti società municipalizzate

In tutto il territorio italiano esistono tantissimi aziende municipalizzate, ovvero le quali sono sottoposte ad un controllo sia totale che parziale dallo Stato o da parte di alcuni organi provinciali che possono essere ad esempio i Comuni oppure le Regioni. I lavoratori dipendenti di queste aziende municipalizzate sono definiti per questi motivi dei dipendenti pubblici e per questo motivo hanno la possibilità di beneficiare di alcuni prestiti agevolati che sono in convenzione con queste aziende.

I prestiti ai quali possono accedere sono la cessione del quinto, i prestiti personali ed infine i piccoli prestiti, sui quali oggi andremo maggiormente a concentrarci. Dal momento che queste aziende sono prettamente sotto il controllo dallo Stato o dagli organi provinciali, la maggior parte degli istituti bancari e finanziari hanno deciso di concedere ai lavoratori dei senza il bisogno di troppe garanzie, la loro busta paga difatti, sarà l’unica garanzia necessaria della quale le banche avranno bisogno.

Piccoli prestiti dedicati ai lavoratori dipendenti delle società municipalizzate

prestiti personali dipendenti società municipalizzateTutti i lavoratori dipendenti delle società municipalizzate i quali sono iscritti alla famosa Gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie, attraverso la retribuzione della quota dello 035% tramite una piccola trattenuta nella loro busta paga, hanno la possibilità di fare richiesta di un piccolo prestito in modo diretto all’istituto INPS. Parliamo dunque di piccoli prestiti che servono a poter fronteggiare delle piccole spese impreviste, prestiti da dover dunque restituire nel giro di poco tempo, presentando la domanda di finanziamento presso il proprio posto di lavoro, che poi ha il compito di inviarla direttamente all’Inps.

Il tasso d’interesse che viene applicato è particolarmente agevolato, in quanto è formato da un TAN, ovvero il tasso annuale nominale di appena il 4,25%, formato dallo 0,5% dedicato alle spese per l’amministrazione e da una percentuale di imposta che può variare da un minimo dello 0,17 fino ad un massimo del 2,28%, questo in base a quale sia la durata del prestito e dall’età del soggetto richiedente.

calcola-rata

Le somme da poter richiedere ed ottenere prevedono il minimo di una mensilità del proprio stipendio fino al massimo di 4 mensilità, le quali sono rimborsabili da un minimo di 12 mesi fino ad un massimo di 48. Nel caso in cui non si abbiano al momento degli altri finanziamenti in corso o dei disguidi finanziari a causa di prestiti precedenti i quali non si ha potuto rimborsare nelle tempistiche giuste, si può inoltre raddoppiare il numero delle mensilità da poter richiedere senza però aumentare la durata del piano di ammortamento del prestito.

Prestito personale per i lavoratori dipendenti delle società municipalizzate

Tutti i dipendenti delle società municipalizzate possono anche fare richiesta di un finanziamento personale attraverso il proprio stipendio nel caso in cui abbiano un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Se si sceglie questo tipo di prestito la somma da poter richiedere non viene legata alla somma cedibile ma alla valutazione della domanda da parte dell’istituto di credito. In questo tipo di finanizamento il tasso d’interesse che viene imposto è fisso e la sua durata andare da uno a dieci anni. Questo prestito può essere sia finalizzato che non, se finalizzato si deve presentare un preventivo della spesa per i lavori che si vogliono effettuare.

Per poterne fare richiesta bisogna ovviamente presentare un documento di identità in corso di validità (carta di identità, patente o il proprio passaporto), l’ultima busta paga ricevuta e l’ultimo documento unico CUD pervenuto. Se si scelgono questi prestiti personali, nel caso in cui ci sia la presenza di disguidi finanziari come ad esempio la segnalazione nei cattivi pagatori, protestati o altri problemi del genere (come ad esempio il pignoramento) potrebbe essere necessaria la presenza di un terzo soggetto che funga da garante.

Puoi leggere anche:

Pubblicato in Inps