Piccoli prestiti da 4.000 euro

I piccoli prestiti da 4 mila euro, specialmente se veloci, sono una delle categorie di finanziamento più richieste e quinti più importanti. Vista la crisi economica che sta attraversando il nostro paese, al giorno d’oggi le necessità del popolo italiano sono mutate nel tempo in modo significativo. In passato si chiedeva un prestito di credito per fare acquisti di evidente rilevanza mentre adesso si chiedono finanziamenti perchè si ha l’esigenza di risolvere piccole spese quotidiane. Continua la lettura di “Piccoli prestiti da 4.000 euro”

Mini prestiti con erogazione veloce

Quando si ha la necessità di un prestito veloce molto spesso l’importo non è molto alto, anzi solitamente la somma è esigua e serve per far fronte a piccoli imprevisti quotidiani, per questi motivi si parla di mini prestiti anche perché vi sono dei limiti che solitamente riguardano proprio perlopiù l’importo massimo che si può richiedere ed ottenere o il numero minimo di mesi entro il quale rimborsare la somma pattuita che di solito non va oltre gli 8000 euro. Continua la lettura di “Mini prestiti con erogazione veloce”

Prestiti per dipendenti statali: i finanziamenti agevolati

Se sei un dipendente statale e hai bisogno di un prestito personale in questo articolo parleremo dei molti istituti di credito che propongono, soprattutto in questo periodo, delle buone offerte per quanto riguarda i prestiti per questa categoria di lavoratori il cui contratto di lavoro è gestito dall’Inps o dagli altri enti previdenziali. Continua la lettura di “Prestiti per dipendenti statali: i finanziamenti agevolati”

Prestiti personali con erogazione in giornata

La velocità nella richiesta e nell’ottenere i prestiti e i finanziamenti personali è un fattore che chi ha un urgente bisogno di denaro per far fronte a qualsiasi tipo di imprevisto apprezza sicuramente. Molto spesso infatti si ha bisogno di una somma di denaro velocemente per degli imprevisti e bisogna quindi cercare di averlo nel minor tempo possibile.
Esistono molte società finanziarie che offrono ai propri clienti dei prestiti urgenti in giornata. Continua la lettura di “Prestiti personali con erogazione in giornata”

Piccoli prestiti a Genova

Dopo aver visto quali sono i migliori istituti bancari che erogano piccoli prestiti in molte città italiane come Palermo, Firenze e Torino. Oggi è il turno della città di Genova e provincia, scopriamo quindi assieme quali sono i migliori prodotti per quanto riguarda prestiti di piccolo taglio in questa zona di Italia. Iniziamo la nostra lista parlando del gruppo CQS Prestiti che eroga piccoli prestiti nella zona di Genova.

Prestiti a Genova, le varie soluzioni per finanziamenti personali

Come abbiamo visto di recente per la città di Roma, studiamo i finanziamenti a Genova. L’istituto bancario CQS promette di elargire piccoli prestiti e cessioni del quinto a dipendenti statali con rata e tasso fisso per tutta la durata del finanziamento senza la presenza di spese anticipate, infatti tutte le spese e tutti i costi sono comprensivi nel finanziamento. In questo piccolo prestito a Genova è incluso il servizio di firma singola, non serve infatti la doppia firma o la presenza di un garante. Non è necessaria nessuna motivazione e non occorre motivare la richiesta del finanziamento.

Si può chiedere un preventivo online o in filiale gratuito e senza alcun impegno anche da parte del richiedente, per quanto riguarda le spese di gestione del prestito non è prevista nessuna spesa anticipata, è tutto incluso infatti nel prestito. Le garanzie Richieste sono pochissime, il finanziamento viene ceduto anche a chi ha protesti, pignoramenti o disguidi bancari ancora in corso e la garanzia viene data dalla consegna dell’ultima busta paga. I tempi di erogazione sono estremamente rapidi. La documentazione richiesta per richiedere il prestito è una copia fronte/retro di un documento d’Identità valido, una copia fronte/retro del codice fiscale ed infine una copia delle ultime due busta paga ed una copia dell’ultimo CUD.

Anche i pensionati di Genova possono accedere a questo prestito, per accedere al finanziamento basta essere titolari di pensione INPS o INPDAP. CQS non elargisce prestito a pensionati con pensione di invalidità civile, o che hanno pensioni minime sotto i 500 euro al mese. Anche in questo caso il finanziamento è a firma singola, è ottenibile anche in presenza di protesti, pignoramenti e segnalazioni in banche dati. Il pensionato in questione deve avere fino a 85 anni allo scadere del piano di ammortamento. Il prestito va da 24 a 12 mesi a discrezione del richiedente.

Parliamo adesso del ben noto gruppo finanziario Pitagora Prestiti, presente su tutto il territorio italiano, che offre a Genova e dintorni piccoli prestiti rapidi e semplici da richiedere, in filiale ed online. Sul sito ufficiale di Pitagora è possibile richiedere un preventivo online, inoltre in questo finanziamento sono inclusi tasso fisso e rata costante per tutta la durata dell’ammortamento che ha una durata massima di 120 mesi, è compresa la copertura assicurativa rischio vita e rischio perdita d’impiego, viene elargito anche in presenza di difficoltà di credito ed il preventivo online del prestito e la consulenza sono totalmente gratuiti. Per fare richiesta di questo finanziamento sono essenziali un documento d’identità valido, il codice fiscale (carta regionale dei servizi: tessera sanitaria), l’ultima busta paga e nel caso di cittadini stranieri un eventuale permesso di soggiorno. La somma di denaro viene erogata tramite assegno circolare o bonifico bancario.

Nel caso il richiedente sia un dipendente pubblico ha la possibilità di fare richiesta di un secondo finanziamento mediante la sottoscrizione di un prestito con delega. Concentriamoci infine su PrestiGe.it, un istituto finanziario che ha origine nella città di Genova stessa e che promette piccoli prestiti nel giro di pochissimo tempo. Per richiedere un finanziamento basta recarsi nell’ufficio situato nella città di Genova e richiedere un preventivo in maniera gratuita e senza impegno.Si tratta di un prestito a tasso d’interesse fisso, che può essere utilizzato per diverse esigenze di spesa o finalità come per esempio l,acquisto auto o moto, arredamento, elettrodomestici, viaggi oppure per ottenere liquidità senza giustificare il motivo della richiesta.

Piccolo prestito gestione pubblica INPS

Per risolvere piccole esigenze familiari quotidiane di coloro che sono iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, l’Inps ha deciso di elargire dei piccoli prestiti a breve termine, da dover rimborsare attraverso piccole rate costanti e ciò avviene attraverso una trattenuta mensile sullo stipendio o la pensione. Per richiedere questo piccolo prestito non serve dover allegare documenti di spesa, né dare giustificazioni di spesa. Questi piccoli prestiti (vedi anche BancoPosta e le soluzioni disponibili) vengono elargiti nei limiti delle disponibilità finanziarie previste annualmente nel bilancio dell’Istituto.

Prestiti INPS Gestione Pubblica

Possono avere la possibilità di chiedere il piccolo prestito sia i dipendenti che i pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali ed i requisiti occorrono non sono tanti, basta soltanto l’iscrizione al Fondo credito. ll cliente che è un dipendente in servizio, presso amministrazioni statali o enti locali è che è obbligatoriamente iscritto al Fondo credito deve versare il relativo contributo tramite una trattenuta in busta paga dell’aliquota dello 0,35%.

Nel caso il richiedente sia un pensionato, ex dipendente di ente pubblico deve necessariamente aver presentato anche la domanda di adesione al Fondo credito e deve versare il relativo contributo mediante trattenuta sulla pensione dell’aliquota dello 0,15%.

Attraverso questo piccolo prestito dell’INPS si ha la possibilità di ottenere importi pari alla singola mensilità, cioè a 1, 2, 3 o 4 mensilità nette di stipendio o di pensione, restituibili rispettivamente in 12 rate (prestiti annuali); 24 rate (prestiti biennali); 36 rate (prestiti triennali); 48 rate (prestiti quadriennali). Si possono richiedere i piccoli prestiti annuali, biennali, triennali e quadriennali possono essere anche in doppia mensilità (due mensilità nette di stipendio o pensione per ogni anno di ammortamento), sino ad un massimo di otto mensilità da rimborsare in 48 mesi, a condizione però che il richiedente non abbia altre trattenute precedenti in corso sullo stipendio o pensione.

Per il richiedente pensionato la trattenuta per piccolo prestito non può superare il quinto cedibile. Sull’importo lordo del finanziamento vengono applicati un tasso di interesse, un’aliquota per spese di amministrazione e una per fondo rischi delle seguenti percentuali: il tasso di interesse nominale annuo: è del 4,25%, le spese di amministrazione del 0,50%, mentre il premio fondo rischi è flessibile in quanto viene applicato per fasce di età e di durata del prestito.

Prestiti a rate: come funzionano

I prestiti devono necessariamente essere rimborsati in 12, 24, 36 o 48 rate, queste rate sono costituite da una quota interessi e da una quota capitale. Per fare domanda di questo piccolo finanziamento i dipendenti pubblici iscritti al Fondo credito, in attività di servizio, devono presentare la domanda compilata sull’apposito modulo che viene dato dall’Istituto per il tramite dell’amministrazione di appartenenza, il modulo può essere scaricato online sul sito dell’Inps.

Per quanto riguarda i pensionati iscritti al Fondo credito possono, attraverso l’apposito servizio online del sito, presentare la domanda su www.inps.it con la seguente procedura: “accedi ai servizi > Servizi Gestione Dipendenti Pubblici (ex Inpdap) > Servizi per iscritti e pensionati > digitazione codice fiscale e PIN > Per area tematica > Credito > Piccolo prestito pensionati), o tramite il Contact center , se in possesso di PIN; o mediante patronato, anche se non in possesso di PIN” descritta anche sul sito ufficiale dell’Inps.

Un dettaglio utile da sapere è che ai dipendenti pubblici che godono di un contratto di lavoro a tempo determinato il piccolo prestito viene concesso solo per la durata di tutto il contratto di lavoro fino alla sua scadenza. L’accredito del piccolo finanziamento avviene sul c/c postale o bancario indicato dal richiedente del prestito, per il pensionato bata invece il codice IBAN che ha già fornito in precedenza per l’accredito della pensione.

La prima rata per rimborsare il prestito viene trattenuta dal secondo mese successivo a quello in cui viene elargito il denaro. Il piccolo prestito se si ha bisogno può essere rinnovato alla fine del periodo minimo di ammortamento. Se si dovesse decidere di rinnovarlo, l’Inps provvede alla chiusura del prestito in corso, recupera il residuo debito, ed inizia la nuova procedura. Per ulteriori informazioni basta chiamare il numero verde dell’INPS, visitare il sito o recarsi nell’ufficio più vicino.

Pubblicato in Inps

Piccoli prestiti da 3000 euro

Sul territorio italiano i piccoli prestiti, soprattutto quelli da 3000 euro, risultano essere quelli più in voga ultimamente dal momento che si tratta di una cifra abbastanza ridotta, che può coprire piccole spese impellenti e sono più facili da restituire agli istituti bancari o finanziari. Al giorno d’oggi quasi ogni banca italiana mette a disposizione tali prestiti di piccolo taglio, in questo articolo confronteremo le migliori offerte delle banche per quanto riguarda questi prestiti nell’ultimo periodo. Continua la lettura di “Piccoli prestiti da 3000 euro”

Piccoli prestiti a Roma

Secondo una recente indagine di mercato, sono gli abitanti di Roma e provincia a chiedere il maggior numero di piccoli prestiti personali sul territorio italiano. Per questo motivo molti degli istituti bancari romani hanno deciso di dare l’opportunità ai cittadini di poter fare richiesta di prestiti anche di piccolo taglio che vanno per la maggiore. In questo spazio andremo dunque ad elencare ed analizzare le banche e le agenzie finanziarie che concedono piccoli prestiti sul territorio romano e descriveremo i servizi da loro offerti.

Piccoli prestiti personali a Roma, i migliori finanziamenti

Partiamo subito parlando di Bbva Finanzia, una società romana di finanza e credito al consumo che appartiene al gruppo Bbva (Banco Bilbao Vizcaya Argentaria) che offre piccolo prestiti dediti all’acquisto di beni personali, servizi assicurativi e l’erogazione di carte di credito. Si tratta di un’azienda che prevede sia piccoli prestiti personali che consolidamento dei debiti. Per ogni informazione riguardo al prestito che si ha l’esigenza di richiedere il sito internet suggerisce di chiamare il numero verde.

Passiamo adesso a Tg Consulting, specializzata in piccoli prestiti e finanziamenti dedicati a molteplici categorie quali studenti, pensionati, pignorati, militari dell’esercito e cattivi pagatori. La specialità di questo istituto romano flessibile sono i finanziamenti personali che vengono elargiti nel giro di pochissimo tempo, massimo ventiquattro ore, con la possibilità di poter personalizzare le rate sia per quanto riguarda il loro importo che per quanto ne concerne la durata. Se in possesso dei requisiti necessari si può anche richiedere un piccolo prestito a tasso agevolato. Sempre a Roma Agenzia Dany si occupa di piccoli finanziamenti personali, per dipendenti provinciali, dipendenti parastatali e dipendenti di aziende private.

Royalfin offre a Roma piccoli crediti al consumo veloci e molto flessibili (disponibili anche per chi non percepisce uno stipendio fisso) per chi ha l’esigenza impellente di piccole somme di liquidità per risolvere magari spese improvvise. È possibile avere la cifra che si è richiesta in maniera facile e veloce senza nessun giustifico di spesa. Il prestito arriva nell’arco di tre o quattro giorni per un massimo di 30.000 euro con un tasso fisso e con rate flessibili e personalizzabili che possono andare dai diciotto ai trentasei mesi, anche nell’eventualità si abbiano altri prestiti in corso. Questi prestiti sono rivolti ad ogni tipo di cliente, dal lavoratore dipendente al pensionato, basta dimostrare assieme al CUD ricevuto l’ultima busta paga o il cedolino della pensione. Per ottenere il piccolo prestito sono necessari pochi dati anagrafici.

Pitagora offre ai propri consumatori una vasta gamma di prodotti finanziari a Roma, che vanno dalla cessione del quinto della busta paga e della pensione, ai piccoli prestiti, ai prestiti con delega. Le caratteristiche di Pitagora sono: un tasso che resta fisso per tutta la durata del prestito, la durata massima è pari a centoventi mesi, copertura assicurativa a rischio vita e impiego, credito anche nel caso di difficoltà, un preventive del prestito e consulenza gratuita. Per richiedere il piccolo prestito Pitagora a Roma basta avere la seguente documentazione: un documento d’identità valido come la carta di identità, la patente o il passaporto, tessera sanitaria, codice fiscale, ultima busta paga o cedolino della pensione e permesso di soggiorno nel caso di clienti stranieri. L’erogazione del finanziamento avviene tramite il bonifico bancario o un assegno circolare a discrezione del consumatore.

Infine parliamo di Aliprestito, un’agenzia che offre agli abitanti di Roma e provincia piccoli prestiti veloci e promette tassi convenienti per tutta la durata del finanziamento. I prestiti Aliprestito sono rivolti a diverse categorie quali lavoratori dipendenti e indipendenti, pensionati e imprenditori. Le caratteristiche di Aliprestito sono la possibilità di richiedere prestiti da mille a sessantamila euro, dodici rate fino a 120 euro, le rate e i tassi sono fissi molto convenienti, ricevuta di anticipo entro 24 ore dall’approvazione del prestito e non è richiesta alcuna giustificazione di spesa.